Io “sono” e-commerce … e tu ?

Io “sono” e-commerce … e tu ?

Qualche giorno fà ho scritto un POST sulla sharing economy, raccontando di come e quanto fosse in crescita questo fenomeno : ad oggi, infatti, sono circa 250 le piattaforme collaborative on line, anche se l’Italia (e gli italiani) ci mettono sempre un pò ad accettare queste novità e, chissà perchè, sono sempre molto diffidenti.

Io, come molti di quelli che mi seguono e leggono il mio blog, già da qualche tempo ho iniziato ad approfondire questo fenomeno, anche perchè sui siti di economia se ne parla sempre più spesso e credo che quello dell’e-commerce sia uno di quei settori su cui possa valere la pena investire un pò di tempo e, per chi se lo può permettere, denaro. Ecco quello che ci dice l’Osservatorio e-commerce del Politecnico di Milano (dati di maggio 2014):

ecommerce(clicca sull’immagine se vuoi leggere articolo completo)

Un trend di crescita rapido e deciso, che non risente della crisi e che, di certo, non passa inosservato agli specialisti del settore. La domanda giusta da farsi, a questo punto, è : ma come possiamo sfruttare anche noi questo trend, senza rimanere l’ultimo anello della catena dei consumi ? Semplice, anzi … semplicissimo !

Forse hai già sentito parlare dei GAS, Gruppo Acquisto Solidale ed hai pure letto il mio POST sull’argomento. La rete dei gruppi d’acquisto è nata nel 1997, con lo scopo di collegare tra loro i diversi gruppi, scambiare informazioni sui prodotti e sui produttori e diffondere l’idea dei gruppi d’acquisto : consente di fare acquisti risparmiando soldi.

Il passo successivo, che è poi lo scopo di questo mio post, è quello di diventare imprenditore nel campo dell’e-commerce, senza restare semplice consumatore (comunque intelligente).

Il passo è più semplice di ciò che si potrebbe pensare ed oggi voglio condividere un articolo uscito in questi giorni su una rivista che si chiama Cose di Casa : all’interno di questo mensile c’è un inserto speciale per dare consigli utili alle famiglie su come ottimizzare la spesa (puoi leggere e scaricare inserto cliccando sull’immagine che segue).

cosedicasa

Quello che voglio evidenziare è che in questo articolo si parla di G21, una delle prime Social Shoppers Community italiane che propone ai suoi iscritti un risparmio su beni e servizi di largo consumo, con l’obiettivo di redistribuire una parte del risparmio ottenuto a tutti gli utenti della Community. La società G21 fa parte di Ventuno Group, un gruppo attivo sin dal 2003 ed operativo attualmente in Italia, Spagna, Brasile e Cile e che ha più di 300 dipendenti ed oltre tremila collaboratori.

Dopo aver studiato molte delle piattaforme cui accennavo prima, ho scelto di registrarmi a MyG21 per tre motivi : innanzitutto perchè è GRATIS (cosa che per un genovese è sempre piuttosto gradita), secondariamente perchè alcuni dei partner che già offrono i loro servizi attraverso G21 sono quelli che già uso abitualmente (booking.com, Dalani e iTunes su tutti, ma anche altri che usa mia moglie) ed acquistando tramite G21 risparmio ogni volta ed infine perchè offre un sistema di incentivazione davvero interessante.

G21_idea

Diventare imprenditori nell’e-commerce

In pochi mesi oltre 238.000 persone in Italia hanno già scelto di diventare “consumatori INTELLIGENTI” unendosi al progetto G21, ma per diventare sempre più GRANDI ed avere ancora più VANTAGGI abbiamo BISOGNO di allargarci sempre di più, condividendo con amici e conoscenti il vantaggio di essere iscritti a G21 e, soprattutto, condividendo i risparmi generati dagli acquisti della Community. Ricorda : iscriversi è GRATIS e con G21 puoi diventare un imprenditore nell’e-commerce senza investire capitale.

Se ti interessa approfondire le informazioni su G21, non esitare a contattarmi via email o leggendo questo POST sul mio blog. Se deciderai di iscriverti GRATIS riceverai tutto il mio supporto per far crescere velocemente la tua Community, risparmiando sui tuoi acquisti e guadagnando percentuali sul risparmio generato dagli acquisti della tua Community. Nei prossimi anni l’e-commerce è destinato a crescere, con noi o senza di noi … provare a sfruttare questo fenomeno scegliendo di farne parte attivamente e non passivamente potrebbe risultare davvero un’ottima intuizione. Buona domenica e buoni acquisti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com