La tonnara di Favignana

La tonnara di Favignana


La Tonnara di Favignana, ufficialmente denominata ex Stabilimento Florio, è una antica tonnara, con annesso stabilimento per la conservazione del pescato, sita a Favignana nelle isole Egadi. Con i suoi 32 mila metri quadri, di cui 3/4 coperti, era una delle più grandi tonnare del Mediterraneo.

Ma cos’è una tonnara ?

La tonnara è l’insieme di reti usate per la pesca del tonno rosso. Già Omero e Plinio scrivevano sulla pesca del tonno di Sicilia e gli antichi la praticavano su larga scala, soprattutto a Gibilterra e nell’Ellesponto.

In Italia la pesca del tonno rosso vanta una antica tradizione e in Sicilia è stata introdotta dagli Arabi intorno all’anno 1000. Nel 1600 arriva anche in Liguria e nel 1800 ci fu la massima espansione. Nel corso dei secoli sono sorte tonnare in Liguria (Camogli), in Sardegna (Carloforte, l’unica ancora attiva nel Mediterraneo e Portoscuso), in Campania (Conca dei Marini sino al 1956), in Calabria (Palmi) e soprattutto in Sicilia (le più grandi), con le tonnare di Scopello, Trapani, Capo Granitola, Bonagia, San Vito Lo Capo, Porto Palo e a Favignana.

La storia della tonnara di Favignana

La Tonnara di Favignana, ufficialmente denominata ex Stabilimento Florio, è una antica tonnara, con annesso stabilimento per la conservazione del pescato, sita a Favignana nelle isole Egadi. Con i suoi 32 mila metri quadri, di cui 3/4 coperti, era una delle più grandi tonnare del Mediterraneo.

tonnara

Si presume che questa tonnara venne costruita intorno al XVII secolo, accanto al porto dell’Arenella. La prima data certa è però il 1830 quando venne acquistata dalla famiglia Florio: con il loro intervento la tonnara venne completamente ristrutturata sotto la guida dell’architetto Carlo Giachery. L’architetto progettò una palazzina in stile neo-gotico di forma rettangolare. Nel 1852 lo stesso Giachery si occupò di progettare il mulino che veniva utilizzato nel processo industriale della lavorazione del tonno. Una parte della struttura venne trasformata da industriale ad abitativa e negli anni ospitò varie personalità illustri. Divenne la dimora privata di Vincenzo Florio che vi si ritirò con la famiglia.

La tonnara di Favignana, oggi …

tonnara

Oggi e dal 2007 la tonnara di Favignana è chiusa per la ormai totale assenza di tonni che, nel corso del loro viaggio, vengono catturati con “tonnare volanti” da pescatori norvegesi e, soprattutto, giapponesi. Nell’ultimo anno di attività, dopo che nel 1859 erano stati pescati oltre 10.000 tonni, la tonnara ha raccolto solo 30 tonni. Ciò che non si può comunque evitare di fare, passando da Favignana, è visitare gli stabilimenti ristrutturati e tuffarsi nella storia approfittando dei racconti delle gentili guide e di alcuni pescatori, come lo zio Beppe, che nel suo racconto mescola ricordi di vita vissuta a storie di fantasia che aiutano a vivere i momenti della pesca del tonno, partendo dalla costruzione della tonnara, fino all’inscatolamento ed alla spedizione del tonno, passando per l’incredibile “battaglia” della mattanza !

Se ti sei perso il mio post intitolato “In vacanza a Favignana” clikka QUI e scopri la magia di quest’isola a forma di farfalla.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com